Rose e Rose Stabilizzate (italiane e di importazione, di varie misure e varietà), Alstromeria, Dendrobium, Cymbidium, Ghipsophila, Lilium, Anthurium, Fresia, Garofani, Gerbere, Crisantemina, Mini Gerbere, Lilium Orientali, Lisianthus, Bocche di Leone, Strelitzia, Ipericum, Girasoli, Mimosa, Fiori di Pesco, Crisantemi, Ginestre, Anemoni, Tulipani, Tulipani Francesi, Gladioli, Iris, Agapantus, Calle, Amaryllis, Statice, Solidago, Ranuncolo, Calla, Calla Arancio

Rose

La rosa, della famiglia delle Rosaceae, è un genere che comprende circa 150 specie, suddivise in numerose varietà con infiniti ibridi e cultivar, originarie dell’Europa e dell’Asia, di altezza variabile da 20 cm a diversi metri, comprende specie cespugliose, sarmentose, rampicanti, striscianti, arbusti e alberelli a fiore grande o piccolo, a mazzetti, pannocchie o solitari, semplici o doppi, frutti ad achenio contenuti in un falso frutto (cinorrodo); le specie spontanee in Italia sono oltre 30, di cui ricordiamo la Rosa canina (la più comune), la Rosa gallica (poco comune nelle brughiere e luoghi sassosi), la Rosa glauca (frequente sulle Alpi), la Rosa pendulina (comune sulle Alpi e l’Appennino settentrionale) e la Rosa sempervirens.


Rose e rose stabilizzate

Alstromeria

L’alstroemeria, o giglio peruviano è una pianta a forma di piccolo arbusto, perenne, sempreverde, originario delle zone montuose dell’America meridionale. Dalle sue radici tuberose si sviluppano sottili fusti eretti, abbastanza rigidi, scarsamente ramificati, che raggiungono i 60-100 cm di altezza; il fogliame é verde, poco denso, le lunghe foglie sono alterne, rigide, appuntite, spesso la pagina inferiore é rivolta verso l’alto. In tarda primavera e durante l’estate le piante di alstroemeria aurantiaca producono numerosi piccoli fiori, all’apice dei fusti, di colore rosato o giallo; esistono numerosissimi ibridi, dai colori più vari, anche rossi, porpora o arancio. I fiori di alstroemeria sono simili a piccoli gigli, e presentano generalmente puntinature o striature marroni sui petali. Sono molto apprezzati come fiori recisi, in vaso possono rimanere fioriti anche per un paio di settimane.

Dendrobium

Il Dendrobium è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, scoperto e classificato dal botanico Olof Peter Swartz nel 1799. Il nome deriva dal greco ‘dendron’ che significa albero e ‘bios’ cioè vita, dato dal fatto che questo genere di piante tropicali, vive in natura abbarbicato ai rami degli alberi, traendo nutrimento dall’atmosfera umida tipica delle foreste equatoriali. Sono anche dette orchidee bamboo.

Amaryllis

L’Amaryllis è un genere di piante della famiglia delle Amaryllidaceae, originario del Sudafrica. Tra le specie più conosciute citiamo l’Amaryllis belladonna L. originaria del Sudafrica, conosciuta col nome di Amarillide; ha un grande bulbo tunicato, tondeggiante di colore marrone che porta foglie carnose, decidue lanceolate, nastriformi di colore verde-vivo e ricurve, alte fino a 45 cm; i fiori trombiformi, profumati, sono riuniti in numero di 6-10 in cime ombrelliformi su steli nudi brunastri alti 60-90 cm, con alcune varietà dai fiori colorati di bianco, rosso o rosa-pallido con striature bianco-giallastre.

Anthurium

L’Anthurium è un genere di piante a fogliame decorativo della famiglia delle Araceae, originario dell’America equatoriale e sub-equatoriale. Il nome del genere deriva dal greco ánthos, “fiore”, ed ourá, “coda”, alludendo allo spadice longilineo che caratterizza l’infiorescenza. Il genere Anthurium comprende diverse specie, alcune apprezzate come piante ornamentali per i fiori molto decorativi, come Anthurium andraeanum e Anthurium scherzerianum, con fiori formati da una grande spata color rosso-lacca, salmone, bianco o rosa, uno spadice sottile ben eretto da cui originano i fiori. Le foglie sono grandi cordiformi o lanceolate, la fioritura dura da giugno a settembre.

Calla

La Calla (dal greco kalos, bello) è una pianta perenne sempreverde dotata di un rizoma oblungo, di grandi dimensioni, con foglie basali largamente sagittate e piccioli, infiorescenze primaverili, solitarie, di colore bianco, composte da una lunga spata a forma d’imbuto, e da uno spadice biancastro eretto, fiori monoici. Appartiene alla famiglia delle Araceae. Questa pianta è originaria del Sudafrica. È molto tossica sia per umani sia per animali e cresce in altezza fino ad un metro. Predilige aree umide ed ombrose con abbondanza d’acqua. la Calla è naturalizzata nell’Europa meridionale e occidentale e lungo la costa nord della California.

Calla Arancio

La Calla arancio è una variante della classica calla bianca ed è molto elegante e ricercata. Esistono altre varianti colorate di calle tra le quali le più diffuse sono la Calla Rossa, la Calla Gialla e la Calla Viola.

Crisantemina

La Crisantemina Baltica gialla è una variante del classico Crisantemo. È un genere di piante angiosperme dicotiledoni della famiglia delle Asteraceae che comprende piante erbacee perenni o annuali, originarie di molte parti del mondo, dall’Europa alla Cina, con numerosi ibridi e varietà coltivati come piante ornamentali in floricoltura e nel giardinaggio.

Cymbidium

Il Cymbidium è un genere di piante della famiglia delle Orchidaceae che comprende circa cinquanta specie provenienti perlopiù dall’Asia orientale (in prevalenza Cina e India) ma anche dall’Africa e dall’Australia. Il nome Cymbidium deriva dalla parola greca kumbos (cavità) e si riferisce alla forma particolare del labello. Questa specie viene coltivata da secoli specialmente in Cina e divenne famosa in Europa durante la seconda metà del XVIII secolo. Oggigiorno sono coltivate per la straordinaria bellezza dei fiori, molto richiesti nel mercato del fiore reciso in mazzi o bouquet, e per la relativa facilità di coltivazione anche in ambito domestico.

Fresia

La Fresia, genere delle Iridaceae, è originaria del Sud Africa, comprende 6 specie di piante erbacee perenni, bulbose, fiorisce in primavera con grappoli di corolle profumatissime, campanulate, in vari colori quasi sempre maculati di giallo. Ha un piccolo bulbo ovale, foglie a forma di spada lunghe 20-30 cm e larghe circa 2 cm, scapo floreale più lungo delle foglie, spesso curvato e ramificato, terminato da una spiga con 6-12 fiori rivolti verso l’alto, tubulosi, di circa 3 cm di diametro, di colore variabile dal bianco puro, crema, giallo nella specie, corolle molto grandi a tinte più vivaci dall’arancio, al rosso, al blu, al viola negli ibridi e cultivar; i semi sono grossi e tondeggianti.

Garofani

Il Garofano (Dianthus caryophyllus) è una specie di Dianthus. Essa è probabilmente nativa della regione del Mediterraneo ma la sua esatta origine non è nota a causa della coltivazione estensiva che se ne è fatta negli ultimi 2.000 anni. Si tratta dell’antenato selvatico del garofano da giardino. Si tratta di una pianta perenne erbacea di altezza fino ad 80 cm. Le foglie sono di colore grigio-verde tendente al verde-blu, sottili e fino a 15 cm di lunghezza. I fiori sono singoli o raggruppati fino a cinque insieme in una inflorescenza, hanno un diametro di 3–5 cm e sono dolcemente profumati. Il colore originale del fiore è un naturale e brillante rosa-porpora, anche se esistono altri cultivar di colori diversi, tra cui rosso, bianco, giallo e verde.

Gerbere

La Gerbera è un genere di piante erbacee della famiglia delle Asteraceae, originario dell’Africa, dell’Asia e del Sudamerica. Il nome deriva dal naturalista tedesco Traugott Gerber, amico di Carl von Linné. Oltre che come graziose piante ornamentali dalla facile coltura, le specie del genere Gerbera vengono coltivate industrialmente per la produzione del fiore reciso.

Mini Gerbere

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum

Ghipsophila

Della famiglia delle Cariofillacee (Garofano), la Ghipsophila è una pianta assai apprezzata, specie dai floricoltori, per il suo aspetto dalla staordinaria raffinatezza e signorilità. I suoi elegantissimi cespi floreali, a corolla semplice o doppia, prevalentemente bianchi o rosa e dall’intaglio smarginato dei petali, trova largo impiego nelle bordure dei giardini, nelle composizioni di fiori freschi ed essiccati e, sorattutto, nei bouquet nunziali insieme a rose e a calle, nelle decorazioni matrimoniali, così come nelle acconciature delle spose. Non a caso, infatti, tale pianta è più comunemente nota come “velo da sposa”, anche in ragione dell’impalpabilità resa dalla miriade di graziosi fiori bianchi che ne costellano i fusti ramosi. Viene impiegata nelle composizioni floreali per darne un tocco di leggerezza e sofficità, dato l’aspetto etereo dei fiori raccolti in pannocchie apicali.

Iris

Il genere Iris raccoglie circa duecento specie di piante della famiglia delle Iridacee, il cui fiore è comunemente conosciuto anche con il nome di giaggiolo. Il nome del genere deriva dalla parola greca Iris che significa arcobaleno. Il genere è caratterizzato da un fiore attinomorfo (a simmetria raggiata) con tepali saldati alla base in un breve tubo. I tepali esterni sono ripiegati verso il basso, e sono dotati di una fascia di papille chiare; i tepali interni sono ripiegati verso l’alto. Lo stilo è diviso in 3 porzioni coprenti gli stami. Comprende specie erbacee e perenni per lo più rizomatose.

Lilium

Il Lilium (o Giglio) è un genere di piante appartenente alla famiglia Liliaceae. Come l’iris, il genere Lilium è originario dell’Europa, dell’Asia e del Nord America; comprende piante con un’altezza da 80 cm a 2 m, dotate di bulbo a scaglie imbricate, disposte intorno ad un disco centrale, da cui originano inferiormente le radici, e superiormente lo stelo. Le scaglie, a seconda della specie, sono più o meno larghe, acuminate, serrate tra loro. Le radici del bulbo sono perenni e non si rinnovano tutti gli anni come succede solitamente nelle piante bulbose; solo i gigli di origine cinese e giapponese, alla ripresa vegetativa, formano un palco di radici avventizie sullo stelo sopra il bulbo a fior di terra, che contribuiscono alla nutrizione delle parti aeree.

Lilium Orientali

I Lilium Orientali, della stessa famiglia dei Gigli è un genere di piante appartenente alla famiglia Liliaceae. I Lilium orientali sono specie di fiori che nascono dall’unione degli ibridi provenienti dal Giappone e dal resto dell’Asia. Sono piante alte a petali grandi. I lilium sono delle perenni bulbose che sviluppano uno o più steli con foglie differenti a seconda delle varietà. I fiori sono portati in cima e sono a mazzi. Hanno di solito forma di tromba più o meno allungata. I colori sono molteplici: rosso, rosa, giallo, arancione. Alcuni specie sono molto profumate. E’ delicatamente profumato. Il periodo della fioritura è l’estate, tuttavia, se il bulbo è stato trattato, fiorisce tutto l’anno.

Lisianthus

La Eustoma grandiflorum (chiamata anche Lisianthus russellianus) è una pianta originaria del Messico e dell’America del sud. Presenta fiori particolarmente attraenti e per questa ragione trova largo impiego come fiore reciso. E’ una pianta delicata e pertanto deve essere allevata in vaso, non in piena terra. E’ sicuramente la specie più popolare anche perchè esistono numerose cultivars ricche di petali o con pochi petali ma molto colorati o con screziature molto particolari. I paesi dove questi fiori sono maggiormente coltivati e dove si svolge anche una intensa attività ricerca sono la Nuova Zelanda ed il Giappone.

Fiori di pesco

Fiore ornamentale molto conosciuto grazie alla famosa canzone “Fiori rosa, fiori di Pesco”. Rosa infatti, è il colore dei fiori del Prunus Persica, ossia del Pesco, pianta arbustiva originaria della Cina. Il pesco viene coltivato non solo a fini produttivi, ma anche ornamentali, per la bellezza dei suoi fiori. Anche in un piccolo giardino vale la pena avere un albero di pesco, che con la sua fioritura è in grado di regalare effetti estetici gradevoli a tutto lo spazio esterno.

Ranuncolo

Il Ranuncolo è una specie la cui crescita e sviluppo sono perfettamente adattati al clima mediterraneo. Il ciclo biologico naturale di tale pianta infatti, presenta la fioritura nel periodo primaverile, a seguito di uno sviluppo vegetativo che occorre nella stagione invernale, gli organi di conservazione (rizomi) e di diffusione (semi) formatisi in primavera, drenano le risorse nutritive della pianta che, con il sopraggiungere della stagione calda estiva, entra in dormienza, in uno stato di disidratazione molto spinto. La conoscenza di queste piante è molto antica. I turchi chiamavano queste piante “Fiori doppi di Tripoli”; i greci, più anticamente, avevano invece lke chiamavano col nome di “Batrachion”.

Strelitzia

La Strelitzia è un genere di piante erbacee appartenente alla famiglia delle Strelitziaceae, originario dell’Africa australe. Viene coltivata in serra o nei giardini nelle zone riparate dal gelo, dove forma cespugli folti e robusti, le piante coltivate in vaso raggiungono il metro d’altezza e fioriscono non prima dei 5 anni d’età, nella floricoltura industriale, specialmente in Liguria e nel Lazio viene utilizzata per la produzione del fiore reciso.

Tulipani

Il Tulipano è un genere della famiglia Liliaceae originario della Turchia e suo simbolo nazionale floreale. Comprende specie bulbose alte 10–50 cm, tra cui alcune spontanee in Italia note col nome comune di tulipano. Ha avuto origine nei monti del Pamir e nelle montagne dell’Hindu Kush e del Tien Shan. L’ambito di crescita del genere si estende verso est dalla penisola iberica, attraverso il Nordafrica la Grecia, i Balcani, la Turchia e attraverso il levante (Siria, Israele, Territori Palestinesi, Libano, Giordania) e Iran, verso nord fino all Ucraina, al sud della Siberia e Mongolia e ad est verso il nord-ovest della Cina. Un certo numero di specie e molti cultivar ibridi crescono in giardini o come piante da vaso. Il nome deriva dal turco «tullband», che significa copricapo, turbante, per la forma che il fiore sembra rappresentare. Questo fiore ebbe una grande popolarità in Turchia nel XVI secolo durante il regno di Solimano il Magnifico, che lo volle sviluppare in numerose varietà ed impiantare ovunque.

Tulipani francesi

I Tulipani detti “Francesi” sono varianti di normali tulipani selezionati ed apprezzati per la loro particolare eleganza e bellezza. Sono messaggeri della primavera e con i suoi splendidi colori in numerose varianti riesce a far riapparire magicamente sol volto il sorriso al termine di una stagione invernale. Nell’antica Persia era l’emblema dell’immortalità e ancora oggi nel Caucaso è il simbolo della vita nuova. Gambo particolarmente lungo e flessuoso, ideale per omaggi floreali speciali.